Stonehenge (immagine presa da https://www.flickr.com/photos/152977080@N03/33195910630).

 

L’intuizione di un ragazzino.C’era un ragazzino nel piccolo villaggio di Totanés (Toledo, Spagna) che tempo fa si chiedeva che cosa fossero le strane pietre messe in cerchio nella campagna dove pascolavano le capre di suo padre.

Questo ragazzino era Ildefonso Gutierrez, che sarebbe diventato poi, nel 2011, l’attuale sindaco di Totanés. La domanda gli rimase impresa per anni, ma finalmente sembra aver trovato una risposta. Il tutto è accaduto quando il gruppo Cota 667, formato da archeologi, storici, ricercatori e tecnici di diversi ambiti, si è recato presso Totanés, a seguito di una mostra tenutasi nel Verraco ibero del paese; usufruendo di quell’occasione, il sindaco ha mostrato loro quel posto, che lo aveva incuriosito sin da quando era piccolo.

Il gruppo Cota 667, molto interessato alla particolare struttura, si è messo subito a lavoro.

Durante quest’ estate, la prima fase di studi e documentazione sul sito hanno confermato l’ipotesi degli esperti: si tratta di un “cromlech”. Una favolosa scoperta che potrebbe cambiare la vita degli abitanti di Totanés e che ha colpito gli specialisti nazionali ed internazionali.

Ma che cos’è un “cromlech”?Un cromlech, parola gallese da crwm (“pietra piana”) e lech (“curva”), è un assieme di pietre piane (o “menhir”, dal bretone  men hir “pietra lunga”) disposte in cerchio. Alcuni esempi di strutture megalitiche del genere sono il celebre Stonehenge di Amesbury (Inghilterra) e, nella Penisola Iberica, i cromlech di Oianleku (Gipuzkoa, Paesi Basi) e quello di dos Almendres (Evora, Portogallo).

Astroarcheologia: l’equinozio di autunno ed il cromlech. – Durante l’equinozio di autunno lo scorso 23 di settembre è stata fatta la “presentazione” ufficiale del nostro cromlech. Quel giorno è stato decisivo per chiarire l’utilizzo della struttura e verificare la sua natura. In effetti, l’allineamento astronomico del cromlech all’uscita del sole ed al suo tramonto nel giorno dell’equinozio confermava che è stato construito dall’uomo e dimostrava, peraltro, quanto è antica la conoscenza del movimento degli astri da parte dall’essere umano. Il gruppo di divulgazone scientifica “Ciencia a la Carta” ha preso l’iniziativa di rendere il fenomeno astronomio un evento publico. In tal modo gli interessati (e sono stati in tanti) hanno potuto essere testimoni del bel spettacolo. Per di più, vi sono state delle conferenze da parte di Juan Pereira, membro di Cota 667 e Professore dell’università di Castilla-La Mancha, del Dottore ambientale Enrique García e dell’ingegnere e specialista in divulgazione astronomica, Antonio Pérez.

Si punta, dunque, su questo tipo di allineamento astronomico nei monumenti megalitici e sul loro utilizzo come calendario. Così gli uomini dal Neolitico facevano a sapere quando accadevano alcune date chiave per l’agricoltura, ossia, ad esempio, quando si doveva fare la semina, quando arrivava la staggione calda o l’inizio delle pioggie.

Prossime mosse. – “Nonostante tutto, ancora si deve confermare la datazione del cromlech di Totanés, per capire se fu alzato ai tempi del megalitismo oppure se si tratta di una struttura di costruzione più recente: potrebbe trattarsi, infatti, di un cerchio di pietre, costruito durante l’Età Media, per raccogliere il bestiame”, così afferma Antonio Pérez sul suo blog di divulgazione, “Astrométrico”.

E come si fa, allora, a calcolare l’età di un cromlech? Il metodo consiste, sostanzialmente, nell’ analizzare la crescita di un particolare tipo di lichene. Questo lichene cresce in maniera lenta e uniforme sulle pietre granitiche che si trovano nello stesso orientamento. Dunque, il fattore di crescita del lichene, sulle pietre del cromlech, ci permette di capire per quanto tempo le pietre sono state esposte ed orientate nella sua posizione attuale, e quindi l’età del cromlech. La cosidetta “Area Sismica dell’Istituto Geografico Nazionale” (IGN) è stata incaricata a compiere tali analisi.

Un’altra questione fondamentale che si dovrà analizzare è il fatto se il cromlech sia stato un luogo di culto oppure no. Su questo sta lavorando l’Istituto di Archeologia di Mérida (IAM-CSIC). Verranno a breve esplorati l’interno della struttura ed i suoi contorni, con l’aiuto di un magnetometro, per cercare traccia di oggetti fatti dall’uomo.

Nei prossimi scavi si analizzerà, inoltre, il sottosuolo, per cerare eventuali resti di ceneri umane, di fauna, di legno bruciato o dei semi. In caso vi fossero rinvenimenti del genere, si potrebbe ritenere che il cromlech fungesse da luogo di culto funerario o di offerte.

Insomma, il cromlech di Totanés è particolarmente speciale non solo per il buon stato di conservazione del suo cerchio di pietre, ma anche perché sembra essere il monumento neolitico più grande di quanti ci siano in tutta la Penisola.

Il compromeso del comune.Il Comune di Totanés è deciso a diffondere e promuovere il suo ricco patrimonio culturale. Per cui, sta risultando fondamentale non solo l’ottimo lavoro professionale da parte del gruppo Cota 667, ma anche il suo supporto economico. Speriamo, quindi, di venire a conoscenza presto di nuove risposte in merito alle incognite relative a questa meravigliosa struttura.

 

Nerea López Carrasco

 

FONTI

(12 settembre 2018)

http://www.latribunadetoledo.es/Noticia/ZD9F9A7B9-D51A-D741-BA0DF191A7C58CA4/Totanes-busca-su-Cromlech

(19 settembre 2018)

http://astrometrico.es/2018/09/19/el-cromlech-manchego/

(20 settembre 2018)

https://toledodiario.es/un-stonehenge-en-toledo/

(23 settembre 2018)

https://elpais.com/politica/2018/09/23/diario_de_espana/1537703436_619016.html

(24 settembre 2018)

https://www.elconfidencial.com/espana/2018-09-24/stonehenge-totanes-toledo_1620068/

(25 settembre 2018)

http://astrometrico.es/2018/09/25/totanes-cromlech-investigaciones/

(30 settembre 2018)

https://www.abc.es/espana/castilla-la-mancha/toledo/abci-secretos-cromlech-toledano-201809300356_noticia.html

(05 ottobre 2018)

https://www.lasexta.com/tecnologia-tecnoxplora/ciencia/descubrimientos/alcalde-pueblo-450-habitantes-que-encontro-cromlech-como-stonehenge_201810055bb722f30cf21a132dbc8787.html

(06 ottobre 2018)

http://astrometrico.es/2018/10/06/descubrimiento-cromlech-totanes/

Il gruppo archeologico Cota667:

https://cota667.com/

 

[amazon_link asins=’B0044BIZSK,8859238315,206352601X’ template=’ProductCarousel’ store=’gruppostoriav-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b446be12-0105-11e9-9845-f3745e504eff’]

 

Il Gruppo Storiavera non vuole in alcun modo violare la proprietà intelletuale di altri enti o il copyright. Qualora i contenuti di questo sito violassero questi diritti, il Gruppo lo ha fatto in modo inconsapevole. Per chiarimenti ed eventuali rimozioni del contenuto, si prega gli interessati di contattare il Gruppo all’indirizzo e-mail: gruppostoriavera@gmail.com

The Gruppo Storiavera doesn’t in any way violate the intellectual property of other entities or copyright. If the contents of this site violate these rights, the Group did so unconsciously. For clarifications and possible removal of the content, please contact the Group at the e-mail address: gruppostoriavera@gmail.com

You may also like

I tesori del Sichuan
Alessandro e Delfi: un rapporto di certo non solare
La Caldara di Manziana, un vulcano ancora attivo: un viaggio dove la terra ribolle

srsolivagus

Lascia un commento